Ley 34/2006 accesso all'avvocatura in Spagna

La Legge spagnola n° 34/2006, del 30 ottobre, sull'accesso alle professioni di avvocato e procuratore  stabilisce importanti novità per quanto riguarda l’iscrizione degli avvocati agli Ordini spagnoli.

Infatti, prima dell’entrata in vigore di questa norma (31.10.2011), i laureati in giurisprudenza spagnoli potevano iscriversi presso gli ordini professionali forensi presentando come unica documentazione attestante il titolo di avvocato, la laurea in Giurisprudenza.

Questa legge invece, sulla scia di altri ordinamenti europei, ha stabilito che per accedere all’Ordine degli avvocati in Spagna è necessario essere in possesso, oltre che della laurea in giurisprudenza, anche di un master, di un periodo di praticantato e di un esame finale.

Concretamente, l’art. 3 della citata legge stabilisce che i master o corsi di formazione obbligatori (presenziali o on line) saranno organizzati da scuole pubbliche o private. La durata del corso è di 60 crediti.

Durante i corsi, dovranno essere svolti dei periodi di praticantato esterno alle scuole o Università.

Infine la valutazione della competenza professionale avverrà mediante un esame nazionale che si terrà nei mesi di gennaio-febbraio e sarà costituito da un esame tipo test (50 domande in un’ora e mezza), seguito da una pausa di un’ora, e poi un caso pratico scritto (durata 4 ore).

E’ già uscito un fac simile di esame, disponibile nel sito http://www.expansion.com/2011/12/26/juridico/1324901518.html?a=83ceefaeb32caaa1c2f9007bb2720aff&t=1325004114

 

Real Decreto-Ley 5/2012 de 5 de marzo, de mediación en asuntos civiles y mercantiles

QUESTO RECENTE DECRETO REALE STABILISCE LA POSSIBILITA' DI ISCRIVERSI AGLI ORDINI PROFESSIONALI FORENSI SPAGNOLI SENZA NECESSITA' DEL MASTER, PER TUTTI COLORO CHE ABBIANO CHIESTO L'OMOLOGAZIONE PRIMA DEL 31.10.2011.

 

 

Disposición final tercera. Modificación de la Ley 34/2006, de 30 de octubre, sobre el acceso a las profesiones de Abogado y Procurador de los TribunalesTres. “Se añade una nueva disposición adicional novena, con la siguiente redacción:“Disposición adicional novena. Títulos extranjeros homologados.Los títulos profesionales que  se regulan en esta ley no serán exigibles a quienes en el momento de entrada en vigor de la presente ley hubieran solicitado la homologación de su título extranjero al de licenciado en Derecho, siempre que en el plazo máximo de dos años, a contar desde el momento en que obtengan dicha homologación, procedan a colegiarse, como ejercientes o no ejercientes.”Texto íntegro del Real Decreto-Ley: http://www.boe.es/boe/dias/2012/03/06/pdfs/BOE-A-2012-3152.pdf

 

 

 

 

Descarga
Ley 34-2006.docx
Documento Microsoft Word 28.4 KB